Logistica immobiliare, cresce la richiesta di centri last mile

Quali sono i trend futuri del mercato della logistica immobiliare? World Capital ha effettuato un sondaggio in collaborazione con Nomisma su oltre 300 operatori logistici che operano soprattutto nel settore alimentare e del largo consumo, per capire come la pandemia ha modificato le esigenze in magazzino. In particolare si registra un aumento della domanda di immobili logistici last mile.

Cerchi un nuovo magazzino? Trova lo spazio logistico adatto alle esigenze della tua impresa, AREALOGISTICA tratta immobili logistici in tutto il Nord Italia.

I cambiamenti della logistica legati alla pandemia

Sulla base delle risposte fornite, il patrimonio immobiliare logistico italiano è in grado di reagire alla pandemia garantendo prestazioni e servizi adeguati. Il 62% degli intervistati infatti dichiara che i magazzini non hanno avuto bisogno di essere sottoposti a grandi cambiamenti dal punto di vista igienico-sanitario per assicurare la sicurezza degli addetti ai lavori. Il 53% rileva che sono bastati piccoli investimenti sulla struttura per far fronte all’impatto della pandemia.

Il cambiamento principale per la gestione delle attività è stato l’introduzione dello smart working (lo dice il 50% degli intervistati). Invece sul fronte dell’adeguamento della sicurezza dei lavoratori soltanto il 30% evidenzia modifiche rilevanti. Ma pare non si tratti di un cambiamento definitivo. Il 52% degli intervistati afferma che dopo l’emergenza tornerà a lavorare in presenza, preferendo abbandonare il lavoro da remoto una volta conclusa l’emergenza.

Leggi anche: “Logistica urbana: vince la sinergia tra aziende”

Il futuro della logistica immobiliare è nei last mile

L’indagine ha riguardato anche la tipologia e l’ubicazione dei magazzini logistici e qui si nota un trend destinato a durare. L’80% degli operatori logistici intervistati sostiene che la domanda dei magazzini last mile, cioè dell’ultimo miglio, è in crescita. La pandemia infatti ha costretto le aziende di distribuzione ad aprire piccoli centri di distribuzione vicino alle città. L’obiettivo è accelerare i tempi di consegna e migliorare le prestazioni dell’ultimo miglio. Secondo il sondaggio, il 60% degli intervistati ritiene che i last mile sono la tipologia di immobili logistici più richiesti sul mercato.

«La crescita dell’e-commerce – commenta Andrea Faini, CEO di World Capital – ha impatto anche sulla logistica, generando nuove sfide per gli operatori logistici, che devono puntare su una strategia agile e sulla velocità decisionale, con scelte sempre più improntate sui Data Driven. Per questo motivo, la logistica last mile ha assunto un ruolo molto importante. Oggi è fondamentale proporre spazi in grado di snellire ed ottimizzare l’attività logistica, puntando su hub situati vicino al centro della città e in grado di ottimizzare i tempi di consegna delle merci».

Fonte: immobiliare.it/news