Sorter logistici, come funziona lo smistamento in magazzino

Nelle operazioni di magazzino, una delle più importanti è quella di smistamento o sorting in inglese. Grazie a questa attività, le merci presenti in magazzino vengono smistate per lo stoccaggio o per la gestione delle spedizioni e della distribuzione. Un’operazione che richiede parecchio tempo e che sempre più spesso viene automatizzata per semplificare e ottimizzare le attività. Per questa ragione sempre più aziende fanno uso dei sorter logistici, un impianto a nastro con ingressi e uscite collegati che trasporta le merci all’interno del magazzino.

Cerchi un immobile logistico? Visita il nostro sito arealogistica.it. Soluzioni per la logistica immobiliare in tutta Italia!

Come funzionano i sorter logistici

sorter logistici movimentazione merci

Ecco come funziona. Ogni pacco che giunge in magazzino viene caricato sul nastro e viene registrato all’ingresso per mezzo della lettura del codice a barre. Il sistema lo riconosce e individua il percorso del pacco; nel momento in cui arriva all’uscita a lui destinata, il sistema lo spinge fuori dal nastro tramite scivolo. Alla base del meccanismo ci deve essere naturalmente un software di programmazione di tipo PLC (Programmable Logic Controller) che contiene dati e strumenti in grado di tradurre le informazioni ricevute con azioni concrete.

Esistono diverse tipologie di sorter logistici. I più comuni sono quelli orizzontali, adatti soprattutto per smistare piccoli colli con efficienza e flessibilità. Quelli verticali sono preferibili in mancanza di grandi spazi all’interno del magazzino e sono più versatili in termini di dimensioni dei pacchi e merci movimentate. Esiste anche un tipo di sorter “a borsa”, nel quale i colli sono contenuti in vere e proprie borse; la sua caratteristica è la velocità di movimentazione, sia per le spedizioni sia per i resi.

Leggi anche: “Logistica, l’importanza del magazzino automatizzato”

I vantaggi dell’uso dei sorter all’interno del magazzino sono molteplici: riducono i costi operativi dell’azienda e aumentano la produttività, riducono la possibilità di errore e velocizza le operazioni, si possono utilizzare 24 ore su 24. In Italia, il primato di efficienza raggiunto grazie all’uso dei sorter spetta a Poste Italiane: l’impianto a nastro di Roserio smista 15 mila pacchi all’ora, occupa 3.500 metri quadri e conta 400 diverse uscite.

Fonte: Logisticamente.it